Benvenuti sul Rütli !

ruetli«La culla della Confederazione elvetica», così è chiamato il quieto paesaggio sul Lago di Uri. Secondo la leggenda, il praticello nel cuore della Svizzera è legato al giuramento del 1291 dei tre cantoni originali di unirsi e aiutarsi reciprocamente. Nell’anno 1804, Friedrich Schiller abbinò il mito Tell al Rütli. Nel 1860, infine, la Società svizzera di utilità pubblica acquistò il prato e la regalò alla Confederazione elvetica come “proprietà nazionale inalienabile”. Ogni anno, il Rütli attira fino a 100'000 visitatrici e visitatori: scolaresche, escursionisti da tutta la Svizzera e turisti e politici da tutto il mondo. 
Vaclav Havel, l’allora presidente della Cechia, il 29 giugno 2001 sul Rütli pronunciò queste parole:

«Mi inchino davanti a questo luogo e davanti al principio dell’accordo. E mi inchino davanti alla volontà delle nazioni piccole, delle piccole unità e dei piccoli comuni di voler vivere in pace e di opporre resistenza alla pressione dei potenti e dei forti». 

Visitate il Rütli per farvene una vostra idea personale.

Gruppi di visitatori che desiderano una guida di lingua tedesca o inglese si rivolgano direttamente al gerente del Rütli: info@ruetlihaus.ch

Gruppi di visitatori che desiderano una relazione sulla storia e il progetto Rütli, oppure che desiderano un’accoglienza ufficiale da parte dell’amministratrice Ssup, vogliano rivolgersi alla direzione dell’Ssup:
info@sgg-ssup.ch

hochlandrindIl 6 maggio sul praticello del Rütli sono arrivati i bovini scozzesi d’altorpiano. D’ora in poi pascoleranno sul prato leggendario. A fine luglio del 2014, all’annuncio della NZZ d’un previsto cambio della razza di bovini alla “culla della Confederazione”, e quando altri media ne fecero il tema della giornata, piovvero commenti indignati da piattaforme online e da lettere dei lettori. Secondo un sondaggio online di “20 minuti”, il 24% delle lettrici e dei lettori volevano vedere sul prato del Rütli bestiame indigeno, per il 51% la provenienza dei bovini non era importante, mentre il 20% si dichiarava non interessato. Il 5% infine, avrebbe preferito non vedere affatto delle mandrie sul prato del Rütli.

Gruppi di visitatori che desiderano una guida di lingua tedesca o inglese si rivolgano direttamente al gerente del Rütli: info@ruetlihaus.ch

Gruppi di visitatori che desiderano una relazione sulla storia e il progetto Rütli, oppure che desiderano un’accoglienza ufficiale da parte dell’amministratrice Ssup, vogliano rivolgersi alla direzione dell’Ssup: info@sgg-ssup.ch