Festa federale sul Grütli: Un atto di stato sotto il segno di Corona

A causa delle regole di distanza della corona, il 1° agosto di quest’anno sono state annullate molte celebrazioni federali tra Ginevra, Chiasso, Poschiavo, Rorschach e Basilea, nonché in numerosi club svizzeri, consolati e ambasciate in tutto il mondo. La Ssup ha anche annullato le tradizionali feste federali sul Grütli già nel mese di maggio. Il rammarico è stato grande, tanto più che la festa è stata organizzata in collaborazione con l’Associazione Federale della lotta svizzera e circa 2000 ospiti aspettavano con ansia il primo swing sul Grütli.

Al posto della celebrazione prevista, la Ssup ha organizzato una celebrazione alternativa insieme alla presidente della Confederazione Simonetta Sommaruga. La presidente della Confederazione ha onorato una donna e un uomo di ogni cantone e della “Quinta Svizzera” a nome di innumerevoli persone che si sono dimostrate solidali durante il periodo di Corona.

Nessuno vuole essere un eroe

All’SGG è stato chiesto di trovare i 54 eroi di Corona. Questo compito non è stato facile. Anche gli infermieri delle unità di terapia intensiva e i volontari che hanno istituito un aiuto alimentare locale non volevano vedersi come eroi. In primo luogo, sentivano che il loro impegno era qualcosa di abbastanza normale e naturale. E in secondo luogo, molti hanno sottolineato che durante l’isolamento facevano solo parte di squadre più grandi. Alcune delle persone che erano state scelte per l’onorificenza dal Presidente della Confederazione Svizzera hanno anche annullato completamente, o perché non volevano essere onorate pubblicamente o perché volevano finalmente concedersi qualche giorno di riposo durante il primo fine settimana di agosto, dopo mesi di lavoro giorno e notte per altre persone.

Sforzo straordinario

Anche se la celebrazione con 250 partecipanti ha avuto otto volte meno ospiti che negli anni senza pandemie, la preparazione è stata più complessa. Allo stesso tempo, abbiamo dovuto preparare un piano B in caso di pioggia continua e abbiamo affittato temporaneamente la sala Bally Hall a Schönenwerd, Soletta. E poiché l’atto di Stato è stato filmato in diretta e trasmesso in streaming sul canale YouTube del Consiglio federale, gli attori hanno dovuto truccarsi prima della loro apparizione.

Più di 30 eroi di Corona, parenti e ospiti sono arrivati la sera prima dalla Svizzera romanda e dai Grigioni. L’Hotel Schweizerhof di Lucerna, che era a corto di personale a causa della mancanza di turisti dall’estero, ha invitato tutti gli ospiti a pernottare e a fare colazione gratuitamente.

Design impressionante

Allo Schifflände von Brunnen, Röbi Imlig ha messo gli ospiti nell’atmosfera giusta per la festa con i suoni del corno alpino. Sulla nave extra era ovviamente obbligatorio indossare le maschere. Sul prato del Rütli sono stati accolti dal gruppo di ottoni Rekrutenspiel 16-2/20 con “Vo Lozärn gäge Wäggis zue” e “L’inverno è passato”. La recluta e i suoi quattro colleghi avevano appena iniziato la scuola di reclutamento, ma suonavano come una band professionista. L’inquilino del Rütli Mike McCardell ha coccolato gli ospiti con specialità ticinesi su richiesta del Presidente della Confederazione: antipasto e risotto al Luganighe. Alle 13.00 esatte le reclute hanno aperto i festeggiamenti federali con “Réjouissance” dalla musica dei fuochi d’artificio di Händel. La presentatrice Maria Victoria Haas ha condotto magistralmente il programma di 90 minuti in tutte e quattro le lingue ufficiali. La cantante lirica friburghese Marie-Claude Chappuis ha cantato con grande passione canzoni tradizionali come “Liauba”, “Le vieux chalet” e “Vreneli vo Guggisberg”, accompagnata dal coro “Les voix de la Gruyère”. Come negli anni precedenti, la giovane suonatrice di corno alpino di Sciaffusa Lisa Stoll e i giovani sbandieratori di Weggis si sono dimostrati maestri nel loro mestiere.

La Svizzera funziona

Nel discorso ufficiale e dopo la cerimonia della Corona, il presidente Sommaruga ha sottolineato che la coesione sociale ha funzionato bene in Svizzera durante la crisi della Corona – la Svizzera funziona. Anche il commercio internazionale aveva funzionato bene durante il blocco. Allo stesso tempo, il magistrato ha continuato a sollecitare la cautela per limitare la diffusione del virus.

Uno dei 54 eroi di ognuna delle quattro regioni linguistiche ha dato testimonianza della vita nella regione di Corona. Rita Monotti, primario dell’ospedale Carità di Locarno, ha riferito del lavoro svolto nel reparto di terapia intensiva, e Olivier Schaffter del ristorante “La croix blanche” di Delémont ha raccontato delle 300 pizze da lui create gratuitamente per il personale dell’ospedale. Judith Schnider, la direttrice della filiale della Volg di Laax, ha descritto in romancio la difficoltà di approvvigionamento della popolazione durante il blocco. E l’insegnante bernese Christian Stähli e la sua allieva Tara hanno elogiato la formazione a distanza tramite video. I 54 eroi hanno ricevuto dal presidente federale un piccolo melo per uso personale. In autunno riceveranno un albero più grande che potranno piantare in un luogo centrale in accordo con i cantoni per commemorare il periodo della Corona.

Nuovo testo dell’innario in tutte le lingue nazionali

Al termine della cerimonia, Marie-Claude Chappuis ha cantato il nuovo testo dell’inno nazionale svizzero proposto dalla Ssup, prima che tutti gli ospiti cantassero il primo verso del Salmo svizzero nelle rispettive lingue madri. E proprio mentre il presidente della Ssup Jean-Daniel Gerber ringraziava tutti i partecipanti con fiori e raccolte di cartoline della festa federale e l’ensemble di ottoni Rekrutenspiel concludeva i festeggiamenti con la canzone “La Mer”, la pioggia si è fatta sentire e ha portato automaticamente gli ospiti alla stazione della nave.

2021 per le donne, 2022 con i cattivi ragazzi

Si spera che nei prossimi anni fino a 2.000 persone possano nuovamente partecipare alle celebrazioni federali. Il 1° agosto 2021 tutte le associazioni femminili festeggeranno in Svizzera il 50° anniversario del suffragio femminile insieme alle nove consigliere federali donne vive. Il 1° agosto 2022 la celebrazione sarà compensata con l’Associazione Federale della lotta svizzera.