1810 Fondazione della Ssup

1823 Campagna educativa contro la povertà riforma della scuola

1826 Fondazione della Società svizzera per l’assicurazione dei veicoli a motore (Mobiliare)

1830 Creazione dei “cucine populare” (1883 creazione del Maggi-Würfel)

1834 Campagna nazionale di raccolta in caso di catastrofi

1850 Fondazione di un seminario per istruttori (Canton Svitto)

1859 Acquisto del Grütli, donazione alla Confederazione svizzera nel 1860

1888 Fondazione della Società svizzera delle donne

1901 Fondazione del Fondo per l’assistenza in caso di danni da rischi naturali non assicurabili

1912 Fondazione Pro Juventute

1917 Fondazione Pro Senectute

1920 Commissione per le questioni di sicurezza sociale (fondazione dell’AVS, 1947)

1918 Creazione della Fondazione per la Promozione dei Comuni e delle Municipalità

1931 Coordinazione Fondazione Pro Familia

1932 Coordinamento della Conferenza svizzera per il lavoro sociale

1934 Fondazione della Zewo

1942 Fondazione “Aiuto Svizzero alla montagna” (Schweizer Berghilfe)

1978 Fondazione Pro Mente Sana

1995 Creazione del programma “SeitenWechsel” / “transfaire

2001 Inizio della ricerca e promozione del volontariato

2002 Campagna per la “Fondazione della Solidarietà Svizzera”

2008 Creazione del programma “Job Caddie

2010 Creazione del programma “Intergeneration”

2012 Concorso per la creazione di un nuovo testo per l’inno nazionale

 

La Ssup fu fondata a Zurigo nel 1810 dalla cerchia di amici del medico della città di Zurigo Hans Caspar Hirzel (1751-1817), che aveva invitato persone alla fondazione a nome della “Hülfsgesellschaft” di Zurigo. La fondazione coincise con un periodo molto movimentato. Sette anni prima era finito lo stato unitario elvetico e cinque anni prima il ripristino della vecchia confederazione della Confederazione Svizzera. In questo anno di instabilità politica, i 71 membri fondatori dei cantoni di Zurigo, San Gallo, Sciaffusa, Appenzello, Turgovia, Lucerna, Zugo, Argovia, Basilea, Soletta, Berna, Glarona e Uri si sono riuniti. Alcuni cantoni fondarono società indipendenti cantonali e regionali senza scopo di lucro in aggiunta alla Ssup circa 10 anni dopo. Questi accettavano anche le donne. Nel 1888, fondarono insieme l’Associazione svizzera delle donne senza scopo di lucro.

La Ssup si considerava l’erede della Società Elvetica e perseguiva obiettivi illuminati e patriottici. Il suo modello era la “Gesellschaft für das Gute und Gemeinnützige” (GGG) Basel, fondata nel 1777. La Ssup si è concentrato sul bene comune e nei primi decenni si è concentrato in particolare sulla lotta alla povertà e sulla promozione dell’istruzione e del progresso economico. Nel processo, la Ssup, i cui membri di mentalità liberale erano sia di origine riformata che cattolica, si distinse come un forum di discussione orientato alla riforma per le élite politiche, economiche e spirituali-pastorali e quindi ebbe un effetto di integrazione nazionale e di sostegno allo stato. Dal 1823 in poi, la Ssup ha discusso questioni concrete nelle sue riunioni annuali sulla base del lavoro preliminare empirico dei suoi membri. Nella riunione annuale del 1823, Johann Caspar Zellweger propose di combattere la povertà attraverso l’educazione, che doveva anche promuovere la conoscenza, la morale e il buon costume. Il vivace dibattito scolastico nella Ssup aprì la strada alla riforma scolastica liberale che prese piede in tutta la Svizzera a partire dagli anni 1830. Nel 1835, la Ssup creò una commissione per l’educazione dei poveri, che era dedicata alla formazione dei cosiddetti insegnanti per i poveri. A metà degli anni 1850, la Ssup fu in grado di far costruire il primo seminario per insegnanti di Svitto grazie al primo grande lascito.

 

Dal 1828 in poi, la Ssup ha tenuto le sue riunioni annuali in vari luoghi della Svizzera per rafforzare le relazioni e i legami e per promuovere la coesione nazionale. Nei turbolenti anni 1840, la Ssup promuoveva atteggiamenti pacifici e umanitari, ed era un luogo dove gli avversari politici mettevano il dialogo al centro dei loro sforzi. Discorsi e documenti di discussione furono pubblicati nelle “Verhandlungen der SGG” o, dal 1862, nella “Schweizerische Zeitschrift für Gemeinnützigkeit” e rappresentano un importante archivio della discussione socio-politica. Inizialmente, la Ssup lasciò l’attuazione pratica delle sue riflessioni agli attori locali; dopo il 1830, le proprie attività pratiche acquisirono importanza. La Ssup fece la sua prima apparizione pubblica nel 1834 con il coordinamento della raccolta di denaro per le vittime delle grandi inondazioni nella regione alpina. Numerose altre campagne di raccolta nazionali seguirono in seguito. La Ssup era, per così dire, la “Solidarietà svizzera del 19° secolo”. Ancora oggi, gli statuti della Ssup affermano che la Ssup si riserva il diritto di avviare raccolte nazionali in caso di grandi eventi, necessità ed emergenze nazionali e di fare appello al senso di solidarietà della popolazione svizzera. A metà del XIX secolo, la SSUP raccoglieva fondi da tutte le parti del paese in caso di disastri nazionali, di solito grandi inondazioni e frane (ad esempio Leventina, Goldau, ecc.). La Ssup è stata anche determinante nella correzione della Reuss a Flüelen.

Quando i rappresentanti della Ssup vollero ispezionare gli edifici nel 1858 e viaggiarono in barca da Brunnen a Flüelen, fecero una scoperta sorprendente. Sul prato storico di Grütli, hanno scoperto dei profili di legno che indicano che il sito era stato costruito sopra. Quando scoprirono che la costruzione di un complesso alberghiero era imminente, iniziarono immediatamente una campagna di raccolta nazionale e comprarono il Grütli nel 1859. Un anno dopo, la Ssup ha donato il Grütli alla Confederazione svizzera e da allora gestisce il sito storico. Innumerevoli scolaresche hanno fatto il pellegrinaggio in questo luogo tranquillo sulle rive del lago Uri negli ultimi 150 anni. Ogni anno, il 1° agosto, la Ssup organizza la festa federale sul prato del Grütli, alla quale partecipano più di mille persone di tutte le regioni linguistiche. Con la gestione del Grütli, la Ssup vuole onorare la storia della Confederazione e allo stesso tempo promuovere la coesione nazionale oggi e domani con eventi culturali.

Nel XIX secolo, la Ssup fondò diverse istituzioni educative e riformatorie (scuole ausiliarie e speciali). Si è anche concentrato sulla lotta contro il consumo di alcol e il gioco d’azzardo per denaro, sulla divulgazione delle conoscenze sulla salute e la nutrizione e sulla promozione della formazione professionale. Negli anni ’30, la Ssup creò delle cucine popolari in tutto il paese. Nel 1883, la Ssup incaricò Julius Maggi, un mugnaio di Kemptthal, di sviluppare un cibo gustoso, nutriente e di rapida preparazione per i lavoratori. L’idea era di poterlo fare sulla base dei legumi. Questo esperimento è riuscito dopo una fase di test di un anno. La direzione della Ssup ha testato la qualità dei prodotti durante un pasto a più portate e poi ha permesso a Maggi di pubblicizzare i suoi prodotti con l’etichetta “SGG-tested”.

Essendo una società socio-politica ricca di tradizione, la Ssup ha istituito diverse organizzazioni private di welfare nel 20° secolo. Nel 1901, la Ssup iniziò il Fondo per l’assistenza in caso di disastri naturali non assicurabili, nel 1912 la Pro Juventute e nel 1917 la Fondazione per la vecchiaia (Pro Senectute). La creazione della fondazione fu una risposta alla dilagante povertà degli anziani causata dalla prima guerra mondiale. Lo scopo della fondazione era quello di alleviare la povertà degli anziani e di risparmiare ai vecchi l’ospizio. La fondazione doveva anche lavorare per l’introduzione dell’AVS. A questo scopo, la Ssup fondò anche una commissione per le questioni di assicurazione sociale nel 1920, che sostenne l’adozione di una base costituzionale per l’AVS nel 1925. La depressione economica degli anni ’20 e la Grande Depressione degli anni ’30 (1932-1937) spinsero la carità privata e il welfare pubblico ai loro limiti, il che rafforzò quell’ala della Ssup che sosteneva una politica sociale guidata dallo Stato. Diversi esperti che hanno partecipato alla stesura della legge sull’AVS del 1947 erano membri della Ssup. Ancor più del lavoro legislativo attivo, la Ssup ha contribuito a un vivace dibattito attraverso conferenze e pubblicazioni. Come rete sociale dei circoli borghesi, la Ssup ha costituito una voce importante nel dibattito sulla sicurezza sociale, almeno fino alla metà del XX secolo.

Nel 1918, la Ssup fondò la Fondazione per la promozione di camere e case comunitarie. La Ssup ebbe anche un ruolo importante nella fondazione della “Società svizzera per la mutua assicurazione dei beni mobili” a Berna nel 1826, che diede origine all’attuale assicurazione Mobiliare. Fondando e coordinando conferenze nazionali, la Ssup ha anche contribuito alla comprensione della politica familiare. Nel 1931, ha organizzato la Commissione svizzera per la protezione della famiglia che, tra le altre cose, ha sostenuto l’introduzione generale degli assegni familiari. E nel 1931, la Ssup fu il padrino della fondazione della Pro Familia. La Ssup ha anche contribuito al coordinamento delle organizzazioni private di welfare e alla professionalizzazione del lavoro sociale. Nel 1932, per esempio, la SSUP costituì la Conferenza nazionale svizzera per il lavoro sociale, che fondò l’Aiuto svizzero alla montagna nel 1942. Nel 1934, ha anche avviato la fondazione dell’Ufficio Centrale di Informazione per le Imprese di Benessere (Zewo). E nel 1978, la Ssup ha fondato l’organizzazione umanitaria Pro Mente Sana, che aiuta le persone con problemi mentali.

Negli ultimi cento anni, la Ssup ha ricevuto un numero crescente di donazioni e lasciti. Il patrimonio gestito dalla Ssup è passato da 180.000 franchi svizzeri (anno 1910) a oltre 80 milioni di franchi svizzeri nel frattempo. Queste donazioni permettono alla Ssup di utilizzare più di 1,2 milioni di franchi ogni anno per la promozione professionale di progetti sociali di terzi e per il sostegno individuale di persone e famiglie colpite dalla povertà. La Ssup finanzia anche diversi programmi e progetti propri che servono alla coesione sociale della Svizzera (perfezionamento sociale per i manager dell’economia e dell’amministrazione, integrazione professionale dei giovani e promozione delle relazioni intergenerazionali).

In termini organizzativi, la Ssup divenne un’associazione gestita a livello centrale dopo il 1850. I membri raggiunsero circa 1.000 nel 1860, ristagnarono a questo livello fino al 1890 circa e salirono temporaneamente a 10.000 membri dopo il 1920 come risultato di campagne pubblicitarie. Dagli anni ’70, il numero di membri è diminuito continuamente. Da un lato, innumerevoli nuove istituzioni monotematiche erano emerse in ambito sociale, culturale, caritatevole e sportivo. E d’altra parte, il crescente individualismo è in competizione con l’idea di associazioni. Oggi, la Ssup ha circa 1.000 membri (2016). Poiché nel 2015 la Ssup ha sostituito la sua rivista “Revue” con una newsletter online, la Ssup non è solo in contatto regolare con i suoi membri, ma anche con circa 5.000 altre organizzazioni e persone in Svizzera e all’estero. Mentre nel XIX secolo erano rappresentati nella Ssup soprattutto pastori, politici esecutivi, imprenditori e personale educativo, oggi i partner della Ssup includono un’ampia varietà di organizzazioni e figure chiave della società civile, così come dello stato e degli affari.

Con l’inizio del terzo millennio e l’Anno del Volontariato delle Nazioni Unite nel 2001, la Ssup si è concentrata sulla ricerca e la promozione del volontariato e della società civile in Svizzera. Inoltre, all’inizio del 21° secolo, la Ssup si è impegnata nella creazione della “Fondazione della Solidarietà Svizzera” e ha assunto la direzione della campagna referendaria. Sfortunatamente, il progetto visionario è stato respinto. Nel contesto di un dibattito nazionale sui valori, la Ssup ha lanciato nel 2012 la ricerca di un nuovo testo per l’inno nazionale svizzero. I valori centrali del preambolo costituzionale del 1999 hanno costituito la base testuale per il nuovo testo dell’inno, con il quale l’economista sanitario zurighese Werner Widmer ha vinto il concorso per artisti nel 2015. Altrimenti, come società socio-politica ricca di tradizione, politicamente, economicamente e religiosamente neutrale, la Ssup svolge numerose funzioni di mediazione e di ponte sullo sfondo. La Ssup riunisce regolarmente organizzazioni, rappresentanti e figure chiave dello Stato, dell’economia e della società civile per sviluppare insieme idee e soluzioni costruttive per importanti questioni e problemi sociopolitici lontano dalla scena politica e mediatica (ad esempio strategia nazionale per l’assistenza alle persone non autosufficienti, promozione del lavoro di milizia, promozione dell’assistenza civile nel settore dell’asilo, professionalizzazione dell’assistenza sociale, ecc.)

Fare una donazione intelligente

Con la sua donazione, la Ssup sostiene le persone e le famiglie colpite dalla povertà.

Con il suo lascito, la Ssup promuove il volontariato e la coesione sociale nei suoi progetti propri e nei progetti di terzi.

Con il suo fondo personale alle Ssup, lei può fornire un sostegno a lungo termine per un progetto che è particolarmente importante per lei.

Lei può anche specificare che la Sssup investa il suo fondo solo in certi prodotti sostenibili e che la Ssup usi solo i profitti o usi il fondo per cause sociali entro un certo periodo.

Saremo lieti di consigliarvi personalmente.
Grazie in anticipo!

Il conto della Ssup:
AP 80-8980-9
IBAN CH86 0900 0000 8000 8980 9