“Shrinking civic space ” anche in Svizzera

Non solo in Cina, Ungheria o Turchia le organizzazioni della società civile sono messe sotto pressione quando si esprimono su questioni politiche o si impegnano su questioni e gruppi specifici. In autunno, anche in Svizzera la società civile ha sperimentato il “shrinking civic space”

ONG, chiese, organizzazioni umanitarie e associazioni non solo distribuiscono denaro, parole di consolazione e cerotti adesivi. Alcune organizzazioni agiscono consapevolmente come sostenitori, segnalando lamentele, ingiustizie o violenza strutturale o dando voce a persone, gruppi o individui che non hanno voce sulla scena politica. Il patrocinio della società civile non è adatto a tutti. Due recenti tentativi di mettere sotto pressione le organizzazioni della società civile nel paese d’origine dell’impegno civico stanno suscitando scalpore.

Un anno fa, le ONG in Germania sono rimaste sorprese quando le restrizioni statali all’impegno civile sono apparse improvvisamente non solo in Egitto, Cina, Russia, Turchia o Ungheria, ma anche nel nostro vicino settentrionale, che per ragioni storiche è stato molto sensibile alle restrizioni statali all’impegno civile. Nel febbraio 2019, il Tribunale fiscale federale tedesco ha ritirato lo status dell’organizzazione non profit ATTAC, un’organizzazione non governativa critica della globalizzazione, e quindi anche la sua esenzione fiscale. La motivazione della punizione è stata data dal fatto che le organizzazioni non profit possono beneficiare di sgravi fiscali solo se sono politicamente attive “di parte”. Solo i partiti possono essere principalmente attivi politicamente.

In Svizzera, numerose organizzazioni della società civile si battono per determinate questioni politiche, sociali, sociali, culturali o ecologiche. Sebbene siano sempre state una spina nel fianco della politica, dell’amministrazione e dell’economia, questo non è mai stato un problema fondamentale in termini di separazione dei poteri. Tuttavia, due esempi di metà settembre 2020 mostrano una nuova tendenza:

Caso 1: la collaborazione con il progetto della foresta di montagna è terminata in Val Lumnez

In vista del voto federale del 27.9.2020 sulla revisione della legge sulla caccia, il “Bergwaldprojekt” (Fondazione per il progetto della foresta montana) ha raccomandato un “No” nell’interesse della foresta di protezione. Di conseguenza, i volontari del Progetto hanno dovuto interrompere il loro lungo lavoro di rimboschimento nella comunità di Lumnezia a causa di una decisione del consiglio comunale. La decisione politica del consiglio comunale non solo ha lasciato sgomenti i 1300 volontari, che negli ultimi 30 anni hanno svolto oltre 50.000 ore di lavoro gratuito nelle foreste distrutte, ma ha anche portato all’organizzazione elevati costi aggiuntivi.

Caso 2: un membro del Consiglio degli Stati Ruedi Noser mette sotto pressione le ONG

Il 24.9.2020 una mozione di Ruedi Noser, membro del Consiglio degli Stati, ha incaricato il Consiglio federale di verificare l’osservanza dei requisiti per l’esenzione fiscale delle persone giuridiche dall’imposta federale diretta per motivi di non-profit in caso di attività politica. L’esenzione fiscale doveva essere revocata se i requisiti non erano soddisfatti. Noser ha citato come esempio l’impegno delle organizzazioni per la protezione degli animali e dell’ambiente contro la legge sulla caccia, nonché gli slogan delle agenzie di aiuto, delle organizzazioni per i diritti umani, delle donne, dei diritti dell’uomo e dell’ambiente e di altre ONG e organizzazioni ecclesiastiche per l’iniziativa sulla responsabilità delle imprese, che è stata votata il 27 novembre 2020. Noser ha messo in discussione le organizzazioni della società civile che sono coinvolte nel lavoro di advocacy, mettendo in discussione il loro impegno caritatevole per l'”interesse generale”. Ha scritto letteralmente nella mozione: “La loro attività mira piuttosto a portare un argomento di interesse personale nella discussione. È quindi necessario interrogarsi criticamente sul fatto che tale attività sia nell’interesse generale secondo le norme applicabili e possa beneficiare di un’esenzione fiscale in quanto non ha scopo di lucro. Anche l’impegno politico delle chiese esentate dalle tasse dovrebbe essere esaminato criticamente da questa prospettiva. Se la revoca non avviene e il divieto di attività politica viene interpretato in modo generoso, il Consiglio federale è tenuto ad adeguare i requisiti per l’esenzione fiscale delle persone giuridiche e ad aprire l’esenzione fiscale a cerchie più ampie”.

Info: www.parlament.ch/it/ratsbetrieb/suche-curia-vista/geschaeft?AffairId=20204162

Caso 3: Cantoni volontari diretti e pervertiti

Il volontariato è per definizione un coinvolgimento auto-organizzato e non retribuito della società civile. Già cinque anni fa Guido Graf, direttore sociale e sanitario del Cantone di Lucerna, dopo 30 anni ha assunto la cura dei migranti e dei rifugiati della Caritas. Da un giorno all’altro, i volontari che fino ad allora avevano lavorato per la Caritas sono passati sotto il controllo dello Stato. Lo stesso vale anche per il Canton Friburgo. Qui il Cantone ha affidato il coordinamento dei volontari nel settore della migrazione alla società ORS, che aveva già fatto notizia a livello internazionale per il suo rigido trattamento dei rifugiati nei centri di asilo. Non sorprende che i Cantoni abbiano interesse a coordinare i volontari, soprattutto nel settore dell’asilo. In questo modo, possono più facilmente evitare che le segnalazioni negative raggiungano il pubblico quando i volontari nei centri di asilo scoprono lamentele e irregolarità. In relazione alla pandemia di Corona, a metà novembre 2020 il direttore sociale di Lucerna Guido Graf ha fatto un ulteriore passo avanti: ha lanciato un appello ai volontari con una formazione medica per lavorare sotto la direzione del Cantone nei tre centri di test drive-in del Cantone. Era inoltre richiesta una disponibilità minima del 50%. A titolo di compensazione, i volontari riceveranno tra i 100 e i 240 franchi al giorno. Quello che è stato pubblicizzato qui sotto il nome di volontariato è, in senso stretto, un lavoro a salario precario, come è noto in Germania da anni sotto il nome di 1-Euro-Jobs.

Caso 4: L’Ufficio federale della sanità pubblica vieta il volontariato degli anziani

Nel marzo 2020 l’Ufficio federale della sanità pubblica ha dichiarato indiscriminatamente la fascia d’età superiore ai 65 anni come gruppo a rischio. Da un giorno all’altro, migliaia e migliaia di anziani non solo non hanno più potuto occuparsi dei loro nipoti, ma hanno anche dovuto rinunciare al volontariato presso Pro Senectute, la Croce Rossa, Tavola magica e nei centri per anziani e nelle parrocchie. Solo dopo che gli studiosi dell’invecchiamento in tutte le università e l’ex consigliera federale e presidente di Pro Senectute, Eveline Widmer Schlumpf, hanno alzato la voce, la Confederazione si è resa conto che questa drastica misura si stava spingendo troppo oltre.

Naturalmente, non tutte le attività politiche delle organizzazioni non profit possono essere tollerate. Le campagne estremiste di destra o fanatici-religiosi sono anche e soprattutto in una società aperta e liberale non possono essere tollerate. Non solo è legittimo, ma è necessario che lo Stato tenga d’occhio le organizzazioni non profit e quelle esenti da tasse. Le fondazioni, per esempio, soprattutto quelle basate sulla Chiesa, avrebbero dovuto da tempo essere tenute a mostrare in modo trasparente da dove provengono e dove confluiscono i loro soldi. Allo stesso tempo, la Svizzera, che ama considerarsi un pioniere e difensore della democrazia diretta, deve essere vigile contro i tentativi di sanzionare le attività di advocacy della società civile. Ficcare il naso negli Stati a guida autocratica non sembra credibile se i politici, gli amministratori o la magistratura di questo Paese vogliono limitare o vietare l’influenza politica della società civile.