To sing or not to sing – that’s the question

I calciatori della nazionale svizzera non sono gli unici a non cantare il testo attuale dell’inno nazionale svizzero. Il 1° agosto, le comunità, le città e le associazioni svizzere di tutto il mondo sono invitate a cantare il nuovo testo proposto per l’inno, oltre al tradizionale salmo svizzero.

Il 1° agosto, la Svizzera commemora il giuramento del Grütli del 1291. Questo è il motivo per cui il 1° agosto viene celebrato come festa federale e non come giorno festivo. Un giorno festivo dovrebbe fare riferimento alla fondazione dello Stato federale e alla Costituzione federale del 12 settembre 1848. La Ssup organizza ogni anno la Giornata Federale sul Grütli, che è amministrato dalla Ssup. Quest’anno, la Ssup celebra il 50° anniversario del diritto di voto delle donne in Svizzera con oltre 600 donne.

Nuovo testo dell’inno basato sulla Costituzione

Allo stesso tempo, la Ssup sostiene gli sforzi per una commemorazione annuale del 1848. In questo contesto, la Ssup promuove la diffusione del nuovo testo proposto per l’inno nazionale, che si basa sui valori fondamentali della nostra società formulati nella Costituzione federale svizzera. Il nuovo testo proposto per l’inno è il seguente

Croce bianca: unità,
campo rosso: libertà,
simboli di pace e d’equità.
Forti se aiutiamo i deboli,
servi della libertà, liberi.
Siamo aperti al mondo,
siamo aperti al sogno:
la bandiera svizzera,
segno della nostra libertà.

(Testo di Werner Widmer, traduzione di Vanni Bianconi)

Le partiture del nuovo testo proposto per l’inno possono essere scaricate in italiano, francese, Rumantsch grischun, tedesco e inglese (innonazionale.ch). Il sito web contiene anche video in cui si canta il nuovo testo dell’inno in tutte le lingue ufficiali.

Invito a tutti i comuni

Il 1° agosto, le comunità, le città e le associazioni svizzere di tutto il mondo sono invitate a cantare il nuovo testo proposto per l’inno, oltre al tradizionale salmo svizzero. Il canto di entrambi i testi permetterà uno scambio di opinioni sul significato degli inni nazionali e sui valori che corrispondono alla nostra società di oggi e che dovrebbero quindi essere trasmessi nell’inno nazionale.

Non appena il testo del nuovo inno proposto sarà sufficientemente noto alla popolazione, sarà sottoposto al parlamento e all’elettorato per l’adozione ufficiale.

Il silenzio dei calciatori svizzeri

Ai campionati europei di calcio di giugno, i giocatori della nazionale svizzera si sono ancora una volta distinti per il loro silenzio e il movimento delle labbra durante l’inno nazionale, e alcuni giornalisti e scrittori di lettere hanno reagito con la loro solita dose di indignazione. La Ssup, che ha fatto molto lavoro sul fenomeno dell’inno negli ultimi anni, ha quindi chiesto comprensione con i calciatori in lettere all’editore.

Ci sono diverse ragioni legittime per il silenzio quando l’inno nazionale svizzero viene suonato durante un campionato europeo di calcio o una Coppa del Mondo:

  • L’inno nazionale svizzero, a differenza di altri inni, esiste in quattro lingue. Se il giocatore a sinistra o a destra canta l’inno in tedesco o in francese, non è possibile cantare contemporaneamente in italiano.
  • Alcuni giocatori della squadra di calcio svizzera hanno la doppia nazionalità. Se si identificano esclusivamente con una nazione in campo, la gente dell’altro paese si sente snobbata.
  • Può essere visto come un’espressione di rispetto che i calciatori ascoltino introspettivamente il suono dell’inno poco prima del calcio d’inizio e si concentrino sul gioco.
  • Il canto dell’inno nazionale è obbligatorio solo per le forze armate e nelle occasioni diplomatiche all’estero.
  • Anche alle celebrazioni federali del 1° agosto, solo una persona su dieci presente può cantare a memoria il primo verso dell’inno nazionale.
  • Le persone di nessuna fede religiosa sono interessate dal testo della preghiera.

Info: www.innonazionale.ch