Sequenze di corone: Cosa impariamo da COVID-19?

La pandemia di Corona, questo surreale mix di pericolo medico, di restrizioni imposte politicamente alla libertà e di crisi economica, è vissuta come epocale da tutti coloro che non hanno mai sperimentato la guerra o la fame nella loro vita. Nella vita della maggior parte dei nostri contemporanei* non ci sono punti di riferimento che abbiano avuto un impatto globale di tale portata. Dall’inizio del 2020 la nostra vita è stata segnata da una diffusa mancanza di conoscenza e da un orientamento provvisorio. Non è prevedibile né la fine della crisi né il ritorno a una normalità precoronale.

Nel periodo Corona, ciò che Verena Kast ed Elisabeth Kübler-Ross hanno mostrato a livello individuale come fasi di morte e lutto è avvenuto e avviene ancora a livello collettivo: all’inizio non volevamo ammettere il virus e abbiamo soppresso il pericolo. Poi la colpa è stata data alla porta della Cina. E quando le immagini degli ospedali del nord Italia hanno diffuso la paura tra la popolazione, abbiamo chiuso i confini e abbiamo lottato per trovare una ragionevole via di mezzo tra la coercizione dello Stato e l’auto-responsabilità. E ora stiamo cercando di creare un nuovo rapporto con noi stessi e con il mondo e di vivere la situazione in modo costruttivo.

Poiché è ancora troppo presto e forse non sarà mai possibile dare risposte significative e conclusive alle molte domande di COVID-19, qui sono elencate almeno 50 domande, che non pretendono di essere complete, ma che prima o poi meritano una risposta.

A livello personale


1. Cosa mi è mancato di più durante i quasi tre mesi di isolamento?

o  Famiglie in visita, parenti, parenti
o  Incontro con gli amici
o  Incontro con l’amante*in
o  Stare insieme ad un collega
o  Rituali informali di benvenuto
o  Fiori freschi sul tavolo
o  Shopping
o  Viaggi all’estero
o  Mangiare con gli amici in un ristorante
o  Uscire, feste, club
o  Programmi sportivi in TV
o  Eventi sportivi nello stadio
o  Scuola, studiare nel quadro abituale
o  Visita dal parrucchiere
o  concerti
o  Teatro
o  Matrimoni in programma
o  Funerali dignitosi di parenti

2. Qual è stata la cosa che mi ha dato più fastidio o che mi ha dato più fastidio durante i quasi tre mesi di isolamento?

o  Sessioni video
o  Limitazione della libertà di montaggio
o  Limitazione della libertà di movimento
o  Limitazione della libertà di commercio e industria
o  Concentrare le notizie dei media sull’unico e solo mega-argomento
o  Paternalismo delle persone di età superiore ai 65 anni
o  Espandere il potere globale dei mega commercianti online
o  Chiusura delle scuole
o  Chiusura di ristoranti e locali

3. Cosa ho apprezzato di più durante i quasi tre mesi di isolamento?

o  Essere soli
o  Tempo di scrivere
o  Tempo di riflessione
o  Tempo con la famiglia
o  Riposo notturno nelle città nei fine settimana
o  Assenza di turisti di massa
o  Riduzione del traffico automobilistico
o  Cielo senza aerei
o  Apprendimento a distanza tramite video
o  Ufficio domestico
o  Sessioni video più brevi
o  Solidarietà nel quartiere (shopping, ecc.)
o  La gratitudine e l’apprezzamento verso le persone in occupazioni di importanza sistemica (sanità, trasporti pubblici, pulizia, vendite, ecc.)

4. Come cambierà il mio stile di vita a lungo termine Corona?

o  Meno o non vola più
o  Consumare i prodotti regionali in modo più consapevole
o  Difendere i salari più alti per le professioni di importanza sistemica
o  Fare più ufficio a casa
o  Sostituire i viaggi di lavoro con sessioni video

5. Quanto faccio dipendere il mio benessere dal livello di infezione nella regione o dalla prospettiva di una vaccinazione precoce contro la corona?

6. Cosa ho imparato per i miei pensieri e le mie azioni dalla crisi della corona?

Economia e mondo del lavoro

  1. Mentre per anni a molte aziende è stato detto che l’home office non era possibile per motivi di sicurezza, oggi nessuno dubita della possibilità di lavorare dal soggiorno. In alcuni casi, l’ufficio a domicilio ha persino portato a un livello più elevato di accessibilità per i dipendenti. Quali effetti ha l’aumento dell’attività nell’home office sulla vita privata, sulla riduzione dei posti di lavoro fissi, sulla mobilità privata e pubblica, sugli immobili in città, sulle qualità di leadership, ecc.
  2. Le videoconferenze si sono dimostrate efficienti ed efficaci. Quali sono i loro effetti a lungo termine sull’importanza del team building, della cultura dell’incontro e dei viaggi d’affari?
  3. Corona ha dimostrato che l’esternalizzazione globale degli impianti di produzione in paesi a basso salario non è solo discutibile dal punto di vista ecologico, ma anche in caso di pandemie. La produzione in patria o all’estero è in piena espansione, le reti sono localizzate e l’artigianato sta vivendo una rinascita. Quali misure vengono adottate in Svizzera?

Politica

  1. La politica ha preso la salute degli abitanti più importante del denaro, perché in una società civile e secondo la nostra costituzione la forza del popolo si misura con il benessere dei più deboli e vulnerabili. Ma quante vite sono state effettivamente salvate dall’isolamento?
  2. Quanti mezzi di sussistenza sono stati distrutti dall’isolamento?
  3. È possibile che l’isolamento abbia messo in pericolo più vite di quante ne abbia salvate?
  4. Non si dovrebbero contare anche i nuovi casi sociali, i depressi, i suicidi, le separazioni, le violenze domestiche, le famiglie lacerate, i disoccupati e i fallimenti di aziende, oltre ai pazienti della Corona soccorsi, che ora vivono da tempo con danni polmonari talvolta gravi?
  5. Le misure adottate dal Consiglio federale per chiudere scuole, ristoranti e negozi per 6 settimane e per vietare gli incontri di più di 5 persone sono state giustificate per salvare la vita di persone tendenzialmente anziane e in cattive condizioni di salute?
  6. Ll governo federale ha invitato per mesi la popolazione a “prendere le distanze sociali”. Tuttavia, il sociale è una categoria etica e non spaziale. La distanza sociale era esattamente ciò di cui non avevamo bisogno nella crisi. Il termine “distanziamento fisico” sarebbe stato appropriato. Come è stato possibile che il termine “distanziamento sociale” si sia affermato come l’atteggiamento ideale contro COVOD-19 nell’UFSP e nel governo?
  7. Era legittimo innescare una crisi economica con un intervento di politica sanitaria da parte dei politici?
  8. Il governo e il parlamento erano sufficientemente legittimi quando hanno distribuito i miliardi ricevuti dai contribuenti senza una decisione del sovrano?
  9. Un prelievo una tantum sulla proprietà da parte dei ricchi o la reintroduzione dell’imposta di successione sarebbero legittimi per salvare l’economia?
  10. Quando l’esecutivo limita i diritti fondamentali e umani per proteggere il bene comune, è tanto più importante che il legislatore e la magistratura, così come la società civile e i media, siano vigili in modo che i politici sappiano questo e quando devono eliminare le restrizioni. In questo contesto, come possiamo valutare la decisione del Parlamento svizzero, che ha interrotto la sua sessione nel marzo 2020 e si è riunito solo a giugno, mentre le scuole e le imprese sono riuscite a passare alle sessioni online in pochi giorni?
  11. Per quale motivo – se non per puro nazionalismo – i paesi limitrofi sono stati presentati come fonti di pericolo, le frontiere nazionali sono state chiuse e si è imposto uno stop all’esportazione di prodotti medici, mentre innumerevoli cittadini provenienti da tutto il mondo sono stati rimpatriati su voli speciali?
  12. Prima della crisi di Corona, siamo stati oltraggiati con veemenza dalla sorveglianza permanente dei cittadini in Cina. Durante l’isolamento, tuttavia, anche in questo paese molti cittadini hanno sostenuto la rinuncia a diritti fondamentali come la libertà di riunione, la libertà di commercio e la libertà di circolazione. La maggior parte dei media non ha scritto una parola critica contro le restrizioni statali per settimane. Più della metà dei residenti si lascia ora volontariamente monitorare dall’app Corona. E gli epidemiologi chiedono addirittura l’obbligo di installare un’app per i festaioli. La nostra consapevolezza dei diritti umani e delle libertà ha subito danni a lungo termine a causa di Corona?
  13. Com’è possibile che in un mondo globalizzato e con un nemico migrante a livello globale, quasi tutti gli Stati nazionali si sono autonomamente dotati di un proprio regolamento corona e hanno chiuso le frontiere per mesi, mentre in Svizzera a marzo non è stata presa alcuna decisione di evacuare alcune regioni, ad esempio, dove il numero di infezioni da Covid è stato particolarmente elevato?
  14. Le chiusure delle frontiere sono state in definitiva acqua sui nervi di chi ha sempre chiesto che le frontiere fossero chiuse agli stranieri?
  15. Nonostante decenni di avvertimenti sul riscaldamento globale e sui danni all’intera umanità, non un solo aereo è stato visto di meno nel cielo. Ma a causa della minaccia alla sopravvivenza individuale, è diventato improvvisamente possibile un radicamento globale. Cosa significa questa esperienza per la strategia energetica della Svizzera e del mondo?
  16. L’invito agli anziani a rimanere entro le proprie quattro mura e a non ricevere visitatori nelle case di riposo non era una discriminazione pericolosa?
  17. Un cantone voleva addirittura introdurre un coprifuoco per gli anziani durante l’isolamento. Come valuta questa misura, che di solito viene utilizzata solo dalle dittature militari per agire contro i membri dell’opposizione? Quali conseguenze politiche ha il piano in quel momento per i creatori di questa idea?
  18. L’isolamento era una priorità delle possibilità di sopravvivenza dei vecchi rispetto alle possibilità future dei giovani. In che modo Corona ha cambiato la solidarietà tra generazioni nel breve e nel lungo periodo?
  19. Quale impatto ha la crisi della corona sui ruoli di genere, soprattutto perché la maggior parte dei dipendenti delle professioni di rilevanza sistemica (infermieri, medici, cassieri, educatori, assistenti sociali e insegnanti) sono donne? Quali di queste professioni riceveranno in futuro più soldi e prestigio oltre agli applausi?
  20. Durante il periodo di Corona è diventato più chiaro che mai che il 90% del lavoro di assistenza non retribuito è svolto da donne. La questione di quale lavoro è retribuito e quale non lo è, in ultima analisi, politico o economico?
  21. In che misura Corona ha promosso o indebolito la coesione sociale?
  22. Quale argomentazione hanno utilizzato gli albergatori e gli albergatori per ottenere prestiti d’emergenza dallo Stato e poter richiedere un lavoro a tempo parziale, ma non gli artisti che lavorano in proprio?
  23. In che modo Corona ha modificato le differenze di reddito e di ricchezza già esistenti tra la popolazione? Chi sono i vincitori finanziari, chi sono i perdenti?
  24. Chi deve garantire e controllare in futuro che la Confederazione e i Cantoni costituiscano scorte sufficienti di articoli importanti come respiratori, maschere protettive o alcolici?
  25. Corona ha dimostrato più chiaramente che mai che le grandi sfide sociali possono essere risolte solo attraverso una stretta collaborazione tra lo Stato, le imprese e la società civile. Cosa significa questo per la governance futura in tempi di crisi? Come dovrebbe essere un governo ideale nelle future situazioni di crisi, che coinvolga maggiormente il Parlamento, i Cantoni, l’economia, la scienza e la società civile nelle sue decisioni?
  26. Corona dimostra che ciò che accade in un paese o in una regione può avere rapide ripercussioni globali. Com’è possibile che anche le applicazioni di tracciamento digitale siano costruite a livello nazionale e non soddisfino le esigenze di una società mobile e globale?
  27. I governi degli Stati membri dell’UE hanno esaminato per la prima volta la situazione nei loro paesi. I cittadini europei* sono stati catapultati in tempi che si pensava fossero lontani. Cosa impara l’UE dalla crisi di Corona?
  28. I programmi di aiuto dell’UE per l’economia porteranno a un nuovo terreno comune o piuttosto saranno motivo di disputa sulla distribuzione?
  29. I politici di molti Paesi hanno abusato e continuano ad abusare del virus Covid 19 come alibi di benvenuto per limitare i diritti fondamentali, civili e umani del popolo e della società civile e per consolidare il proprio potere, anche in democrazie che si suppone siano liberali.
  30. Le procedure di asilo sono proseguite durante il periodo di Corona, anche se non è stato possibile per i richiedenti asilo, gli avvocati e le agenzie di aiuto presentare ricorsi con scadenze già molto brevi. Quali conseguenze hanno le esperienze della Corona sulle procedure di asilo?
  31. Le persone senza carta hanno perso i loro incarichi di lavoro nell’isolamento. A seconda della regione, hanno ricevuto o meno aiuti di Stato speciali. Come si comporterà lo Stato in futuro con i membri più vulnerabili della nostra società in una situazione di particolare emergenza, in modo da rimanere fedele alla costituzione?

Scuola e istruzione

  1. l’insegnamento online si è dimostrato valido dalla scuola elementare all’università. L’importanza dei genitori nel processo di apprendimento è cresciuta. È stato promosso l’apprendimento indipendente e il lavoro in team. Allo stesso tempo, l’apprendimento a distanza ha reso più chiaro e ampliato il divario tra i bambini provenienti da famiglie svantaggiate dal punto di vista educativo e quelli provenienti da famiglie svantaggiate dal punto di vista educativo. I Cantoni hanno gestito in modo diverso le qualifiche dei tirocini professionali e delle scuole elementari. Molti studenti hanno perso almeno un semestre di studio. Quali conseguenze hanno le esperienze dell’isolamento per l’istruzione ai vari livelli?

La società civile

  1. Le chiese, le associazioni, le ONG e le agenzie umanitarie sono state gravemente colpite dalla chiusura, ma sono state integrate nelle deliberazioni del governo solo in una fase molto avanzata. Inoltre, presso la Confederazione non esiste una posizione permanente per mantenere i contatti con la società civile. Cosa abbiamo imparato dalla crisi di Corona per il rapporto tra Stato e società civile?
  2. Le chiese e le comunità religiose sono state colpite dal divieto di riunione durante l’isolamento nel Marco. Attraverso le celebrazioni in streaming le religioni hanno raggiunto in parte nuovi gruppi target. D’altra parte, c’era il pericolo che i rituali comunitari diventassero un bene di consumo.

Media

  1. Alcuni media hanno funzionato principalmente come camere d’eco del governo da febbraio a giugno 2020. Hanno affrontato la questione etica di chi ha più probabilità di vivere o di morire se ci sono troppo pochi reparti di terapia intensiva e troppo pochi ventilatori, invece di porsi la questione politica del perché la metà dei letti d’ospedale è stata ridotta negli ultimi 20 anni nel contesto di partenariati pubblico-privato. Alcuni media hanno anche creato un racconto di minacce nella fase di preparazione all’isolamento, che ha giustificato misure di sicurezza discutibili. I critici delle misure di corona politica sono stati e vengono subito accolti da alcuni media con l’apocalittica argomentazione dell’assassino apocalittico. E alcuni media – a differenza dei media in Germania – non hanno quasi mai messo in discussione il ritiro del parlamento e la limitazione delle libertà fondamentali. Chi indagherà quando e come il ruolo dei media durante la crisi di Corona?

Medicina

  1. Cosa dice il numero giornaliero di persone infette da corona in cifre assolute, se non viene mostrato quante persone sono state sottoposte a test e come le cifre si confrontano con quelle di altre regioni?
  2. Cosa dice il numero di morti di COVID-19? Per molto tempo, il Regno Unito ha contato solo i morti negli ospedali, ma non quelli nelle case. Inoltre, la maggior parte delle persone non è morta per AM Covid-19, ma per il virus.
  3. Quanto è utile quando gli scienziati rilasciano quotidianamente interviste ai media e danno consigli al governo, ma devono cambiare il loro punto di vista ogni poche settimane?
  4. Che senso ha mettere in quarantena e isolare migliaia di persone in tutto il paese invece di concentrarsi su superspreader e cluster?
  5. Gli anziani fragili non vengono di solito trasferiti in ospedale, né tanto meno sottoposti a respirazione artificiale nel reparto di terapia intensiva, in caso di grave influenza. A Corona, tuttavia, anche i bambini di 100 anni con condizioni preesistenti e testamenti in vita sono stati collegati ai ventilatori, anche se si sapeva che l’80% di loro non sarebbe sopravvissuto alla ventilazione. Non è stata una decisione medica, ma politica? Come si è potuta prendere questa decisione? E come si possono evitare situazioni del genere in futuro?
  6. Una volta che ci sarà un vaccino contro la corona, il 60-70 per cento della popolazione dovrà essere vaccinato ed essere immune per creare l’immunità del gregge al virus. In che misura alcuni gruppi dovrebbero essere obbligati o incoraggiati a farsi vaccinare, anche se la vaccinazione obbligatoria viola il diritto fondamentale all’integrità fisica?

Ci sono certamente molte altre domande a cui prima o poi si dovrebbe rispondere per essere meglio preparati alle crisi future. Sarebbe un bene per l’umanità e la natura se potessimo imparare importanti lezioni dalla crisi di Corona per lo sviluppo sostenibile e per vivere insieme in solidarietà.

Lukas Niederberger, Direttore Ssup