Promozione del volontariato: UBS Helpetica mette in contatto progetti e volontari

Con la piattaforma online “UBS Helpetica”, UBS mette in contatto i progetti di beneficenza con i volontari. Un’intervista con l’iniziatrice Sonja Kingsley-Curry.

Affinché il volontariato raggiunga il suo effetto come impegno civico, dipende dal sostegno dello Stato e dell’economia. L’impegno della comunità imprenditoriale non è scontato nella maggior parte dei paesi. Iniziative come quella di UBS sono tanto più gratificanti. La SGG ha parlato con Sonja Kingsley-Curry, Head Strategic Initiatives & Brand Management di UBS Svizzera, del nuovo progetto “UBS Helpetica”.

Sig.ra Kingsley-Curry, quando UBS promuove il volontariato, è qualcosa di più di una semplice pubblicità per suo conto?

Per UBS il volontariato è parte integrante della cultura aziendale. Più di 15 anni fa, UBS è stata una delle prime aziende in Svizzera a introdurre un proprio programma di volontariato per i suoi dipendenti. Oggi, circa 5.000 dipendenti impegnano circa 50.000 ore di lavoro volontario per il bene della società ogni anno. UBS mette a disposizione di tutti i collaboratori due giorni lavorativi all’anno per il volontariato.

Oltre al cosiddetto “corporate volunteering”, UBS ha sviluppato una piattaforma di volontariato chiamata UBS Helpetica. Per quale motivo?

UBS Helpetica è il logico sviluppo dell’impegno di lunga data dei collaboratori e, in quanto rete di volontariato, è aperta a chiunque nel paese affinché il volontariato acquisti ancora più visibilità e accesso. UBS Helpetica riunisce progetti sostenibili di organizzazioni senza scopo di lucro e di volontari in stretta collaborazione con organizzazioni di volontariato rilevanti come Bevenol e Swiss Volunteers.

Cooperano strettamente con gli attori esistenti nella torta del volontariato. Quale valore aggiunto offre UBS Helpetica?

UBS Helpetica apre la sua grande rete di relazioni con la clientela a clienti privati e istituzionali, a persone e imprese facoltose. Inoltre, UBS mette a disposizione il suo profondo e pluriennale radicamento locale nelle singole regioni e i suoi canali di comunicazione per dare ancora più peso al volontariato e dare ancora più visibilità ai progetti. In questo senso, la rete fa parte della strategia di UBS “Connecting people for a better world”. (Collegare le persone per un mondo migliore).

Il successo degli strumenti online dipende dai loro utenti. Quanto siete soddisfatti un anno dopo il lancio di UBS Helpetica?

Siamo molto soddisfatti. UBS Helpetica ha ricevuto più di 220 idee di progetto, sostiene attualmente circa 60 partner non profit nella loro ricerca di volontari e ha pubblicato più di 150 progetti. E la sezione “Storie di successo” è stata aggiunta alla nostra piattaforma – nella speranza che possa ispirare molti volontari a farsi coinvolgere.

Ulteriori informazioni: https://ubs-helpetica.ch/it

Contatto: sh-ubshelpetica@ubs.com